Books

Il cappotto di astrakan

Il cappotto di astrakan Ambientato nella Parigi del secondo dopoguerra Il cappotto di Astrakan costituisce un capolavoro dell arte narrativa di Piero Chiara Il protagonista di ritorno al suo paese dall internamento decide

  • Title: Il cappotto di astrakan
  • Author: Piero Chiara
  • ISBN: 9788804469063
  • Page: 452
  • Format: Paperback
  • Ambientato nella Parigi del secondo dopoguerra, Il cappotto di Astrakan costituisce un capolavoro dell arte narrativa di Piero Chiara Il protagonista, di ritorno al suo paese dall internamento, decide di raccontare agli amici la sua esperienza avventurosa di un gioioso autunno nella capitale francese Un universo letterario che trova il suo fulcro vitale e psicologico nelAmbientato nella Parigi del secondo dopoguerra, Il cappotto di Astrakan costituisce un capolavoro dell arte narrativa di Piero Chiara Il protagonista, di ritorno al suo paese dall internamento, decide di raccontare agli amici la sua esperienza avventurosa di un gioioso autunno nella capitale francese Un universo letterario che trova il suo fulcro vitale e psicologico nella dimensione provinciale della vita divenuta metafora Le inquietudini, le aspirazioni, i giochi e gli amori del grande scrittore disegnano una pagina naturale per ritmo e misura Ci fanno riconoscere un uomo e una poetica indimenticabili.

    • ï Il cappotto di astrakan || ✓ PDF Read by ↠ Piero Chiara
      452 Piero Chiara
    • thumbnail Title: ï Il cappotto di astrakan || ✓ PDF Read by ↠ Piero Chiara
      Posted by:Piero Chiara
      Published :2020-04-08T13:28:24+00:00

    About "Piero Chiara"

    1. Piero Chiara

      Piero Chiara was an Italian writer He was born in Luino, on Lake Maggiore northern Italy into a family of Sicilian origin Sought by the Fascist milice during World War II, he fled to Switzerland in 1944 He returned to Italy two years later, starting the activity of writer.His most famous work is La stanza del vescovo of 1976, which was turned into a film by Dino Risi soon afterwards.He died in Varese in 1986.

    723 Comments

    1. Romanzo consigliato a chiunque.Piero Chiara e' uno scrittore sottovalutato (da me sconosciuto fino a un mese fa). In poche pagine riesce a creare un'atmosfera poetica. Le descrizioni sono sempre molto raffinate e suggestive.I personaggi principali, sebbene vengano dipinti con due semplici pennellate, riescono ad essere abbastanza profondi.Se si potesse calcolare il rapporto tra la qualità di un romanzo e la sua lunghezza, otterremmo per questo piccolo libro un numero elevato.Con questi spruzzi [...]


    2. "non legga troppo"mi diceva vedendomi sempre coi libri in mano, "quei libri sono stati la rovina di mio figlio" jambon: prosciutto; crudo o cotto? maquis: movimento di resistenza e liberazione nazionale francese ti ha piaciato? e allora prova anche la vita agra di bianciardi


    3. Pass�� uno dei tanti inverni di quegli anni dei quali non ho memoria, tanto furono uguali l���uno all���altro. Preziosi doni del tempo, che si accettano con indifferenza, senza pensare che ricchezza sarebbero a saperli adoperare, semprech�� fosse possibile a tutti far buon uso della vita, portarla come una pelliccia di astrakan e non come un giaccone da galeotto.Questo libro ha permesso la mia conoscenza di uno scrittore fino ad ora, a torto ignorato.Piero Chiara �� davve [...]


    4. Sono approdata a Piero Chiara partendo da Andrea Vitali, cioè facendo esattamente il percorso contrario, dato che il primo è “maestro” del secondo. In ogni caso, sono felice di averlo fatto!Appare, infatti, fin da subito evidente perché Chiara sia il maestro di Vitali – e non solo per un fatto temporale: Chiara ha la stoffa del grande narratore e la sua prosa è decisamente più ricca e densa di significati di quella di Vitali. Quest'ultimo alla fine ci presenta una serie di personaggi [...]


    5. Chiara offre uno spaccato della mentalità di provincia del dopoguerra ( nonostante il libro sia del 1978, è ambientato negli anni '50 ): il protagonista si trasferisce a Parigi in cerca di fortuna, anche amorosa, e si trova a fare le veci di un francese incarcerato per rapina, sostituendolo presso la madre e presso la fidanzata. Abbondano le situazioni boccaccesche, come spesso in Chiara. L'Autore scrive che «andare a Parigi a quell'epoca era come darsi a un mestiere, a una professione, a un [...]


    6. Mi aspettavo molto di più da questo romanzo ambientato nella Parigi di metà novecento. L'incontro amoroso, il viaggio, il cappotto e il ritorno in Italia sembrano coincidenze ed avvenimenti messi lì in modo forzato. Meno male che il libro era corto sennò sarebbe stato ancora più faticoso terminarlo. Mi sono piaciuti i momenti letterari e poetici del libro.





    Leave a Comment